Le Storie di Mauro

 

La Scimmia

 

Introduzione

A volte mi accorgo che che gli italiani,non hanno il coraggio di pensare con la loro testa, i pensieri dominanti sono del tipo"In questa situazione gli altri cosa farebbero"?

"Cosa posso fare io per non essere criticato"? Se poi qualcuno si veste di una autorità che non possiede, ma che con convinzione lo introduce nelle menti di chi lo ascolta…

Ero sul tram alla sera e ritornavo a casa dal lavoro con lo sguardo assorto fissavo senza farlo apposta, dei ragazzi e ragazze che il venerdì sera si recavano in centro città per divertirsi,finchè uno di questi ragazzi evidentemente scocciato mi dice "Cosa hai da guardare?" e io rispondo "Nulla scusa non guardavo te in particolare,ero assorto" e lui "Non ti piacciono i miei calzoni strappati? Si vede che sei vecchio e condizionato" E io rispondo "Forse vecchio si ,capita a tutti prima o poi, se poi parliamo di condizionamento,forse il vero condizionato sei tu,girati guardati attorno,il tram è pieno di ragazzi con i calzoni strappati,sembrate in divisa,hai scelto tu di vestirti così? Oppure hai seguito quello che fanno gli altri senza pensarci troppo"? è seguito un silenzio totale.

Comunque se pensate che il condizionamento sia  una caratteristica esclusiva  dei ragazzi,vi sbagliate,molti adulti approdati a internet,ci tengono molto alle stupide formalità solo perché qualcuno lo ha detto,è classico il caso di una delle regole della netiquette che stabilisce la grandezza dei caratteri da usare quando si scrive su internet,nella vita reale di tutti i giorni è chiaro che se quando parlo con una persona di fronte a me,mi metto a urlare,assordo la persona che mi ascolta e disturbo realmente chi mi sta attorno,e quindi giustamente passo come un maleducato,ma certamente se i miei caratteri sono grandi mentre scrivo una mail,forse posso passare per pasticcione,qualcuno può anche dirmi che non ho il senso dell'estetica,altri possono dirmi che ho ragione perché finalmente riescono a leggere quello che c'è scritto, in fin dei conti non tutti abbiamo la fortuna di avere una vista d' aquila

 

 

La Scimmia anche se vestita di seta rimane sempre una scimmia

 

Un mio conoscente,mi chiedeva consigli per risolvere un problema presente sul suo computer,e io che non ho più la vista che avevo a vent'anni, gli ho risposto con un carattere un po’ più grosso del solito, confidando anche sul fatto che il destinatario ha più o meno la mia stessa età, il mio conoscente mi ha ringraziato per avergli risolto il suo problema bacchettandomi però sul fatto che non era il caso di urlare le istruzioni per la riparazione, lui ci sentiva benissimo…

Ohibò mi sono detto ecco un'altra vittima delle parole.

Prima di tutto la stupida regola (netiquette) dice che per urlare occorre che tutte le lettere siano maiuscole,e poi come al solito qualche italiano si sveglia con una nuova regola in testa,e il gregge subito segue.Io al massimo se vedo dei caratteri troppo grossi, posso dire che tolgono un po’ di estetica alla pagina stessa...

Ho inviato una mail al mio conoscente,naturalmente in caratteri microscopici,volevo infatti sussurrare che avevo provato ad accostare l'orecchio allo schermo dove c'èra il mio scritto ma non solo non ho sentito urlare,ma non ho neppure sentito il minimo suono,stranamente non ho ricevuto risposta alla mia mail (meno male)

E' strano però come molti italiani, diano più importanza a seguire regole come la netiquette, e poi per sentire il sapore della trasgressione, passino con l'auto con il semaforo rosso...è più da persone libere...

 

Commento

La scimmia copia i gesti il pappagallo le parole.

 

Mauro